Aspiranti Uditori

Reply

Concorso morale e concorso per omissione in reato commissivo

« Older   Newer »
assuntore
view post Posted on 23/4/2006, 10:36 Quote




CITAZIONE (dagruni @ 22/4/2006, 11:16)
CITAZIONE
Tutto questo però è altro rispetto alla valutazione dell'aspetto della tipicità nel concorso morale o omissivo. Per quello bisogna fare riferimento alle teorie sul concorso elaborate

Secondo me invece vanno a "braccetto" in quanto in un tema non posso scindere il discorso sull'individuazione dell'autore e del partecipe- tipicità e atipicità - partecipe materiale e partecipe morale - ex 110, concorrente materiale e concorrente morale.
Ok, la fattispecie plurisoggettiva eventuale viene elaborata quale teoria per trovare un fondamento della punibilità del concorso; oggi è la teoria preferibile ma, sempre a mio avviso, va esplicata sempre con un occhio al requisito soggettivo della pluralità di agenti e con un altro al requisito del contributo.
Poi, questo è il bello, ognuno argomenta come vuole e riesce a collegare i vari argomenti in un tema senza dare l'impressione di non aver capito nulla. Ma forse rischio di andare OT.
Per il resto, ringrazio Assuntore il quale ha fatto una ricostruzione abbastanza efficace, ma penso che l'unico che ha centrato il mio stupido dilemma sia stato Nicolarush quando ha affermato tra le righe di aver inteso la questione che mi ponevo e mi forniva di conseguenza la risposta.
Daniele.

Io sinceramente non riesco proprio a capire perché tu ti stia ponendo tutte queste domande sulla distinzione tra autore e complice, richiamando costruzioni dottrinali che non sono richiamate dalla giurisprudenza maggioritaria. Scusa il tono, ma nel momento in cui scriverai un tema, che esso sia di penale, amministrativo o civile, è sì ammirevole che tu possa riportare gli orientamenti minoritari, ma quel che più preme ad una commissione di concorso è che tu sappia cosa ne pensa la giurisprudenza. E la giurisprudenza, sulla scorta dell’assenza nel nostro codice attuale di una norma che distingua tra le forme di partecipazione, nonché per il rifiuto della teoria dell’accessorietà, esclude qualunque forma di distinzione tra autore, coautore e complice materiale o morale che sia, perché tutti i contributi casualmente rilevanti ai sensi dell’art. 110 sono trattate come forme di partecipazione al fatto tipico. La distinzione che tu propugni assume rilevanza ai fini della individualizzazione della pena e in questo si richiamano le categorie appena messe in luce, che erano state coniate durante la vigenza del codice Zanardelli, il quale discerneva le responsabilità a seconda che il soggetto fosse stato l’autore o il coautore materiale del fatto, piuttosto che il semplice complice, che è colui che non realizza alcun segmento materiale del fatto tipico, pur fornendo un contributo necessario o meramente agevolatore o, altresì, che si è rivelato maldestro (quest’ultimo nella misura in cui possa tradursi in una forma di partecipazione morale). In ogni caso, sia il coautore sia il complice materiale o morale, sono figure atipiche rispetto alla fattispecie monosoggettiva, la quale è tipica solo se tutto l’iter criminale, dall’approntamento dei mezzi esecutivi all’esecuzione del reato, è posto in essere da un unico soggetto: pertanto, il coautore e il partecipe (per es. ha fornito il veleno, ha fornito la mappa per accedere alla cassaforte…) sono figure atipiche. Lo stesso discorso vale nell’ambito del concorso omissivo nel reato commissivo.
Infine ti dico che è controproducente e non è richiesto, in sede di svolgimento di una prova d’esame, esprimere il proprio punto di vista: fino a prova contraria noni non siamo ancora giudici e le ricostruzioni possiamo farle solo quando a noi si presenterà il caso pratico; fino ad allora, limitiamoci a riportare gli orientamenti più diffusi.
 
Top
nicolarush
view post Posted on 23/4/2006, 12:06 Quote




CITAZIONE (assuntore @ 21/4/2006, 19:18)
peccato, però, che io in penale non ho consegnato...

come ti è stato già detto,non ti abbattere

la traccia estratta era una "carognata", o la si conosceva o il compito era davvero arduo
per come la vedo io le tracce dovrebbero sì agevolare chi conosce le sentenze ma anche permettere, a chi è veramente preparato ma non conosce le sentenze, di poter svolgere un tema che possa aspirare alla sufficienza
e delle tre in busta,imho,sotto questo punto di vista quella era davvero la peggiore

 
Top
Cap ARAGORN
view post Posted on 23/4/2006, 20:49 Quote




CITAZIONE
Secondo me invece vanno a "braccetto"

Una cosa è parlare di soggetti e loro qualifica, altro di fatto di concorso. Ma di questo ho detto nel mio precedente messaggio. Per il resto ti rinvio nuovamente all'ulteriore messaggio di Assuntore, sicuramente più chiaro di quanto avrei potuto essere io che intendevo scrivere solo due righe telegrafiche, giacchè ritengo in ogni caso, al di là delle posizioni, l'argomento sufficientemente affrontato.
Mi pare di capire che in definitiva preferisci accedere alla tesi della accessorietà del concorso nel reato. Legittimo, ma non perdere di vista la tesi maggioritaria in dottrina e giursprudenza della Fattispecie plurisoggettiva eventuale, che in ogni caso sul presupposto dell'art. 110 non configura disitinzioni in tema di tipicità.
Corretto il tuo tributo a nicolarush e assuntore, da me peraltro caldeggiato, giacchè chi risponde lo fa per spirito di altruismo e voglia di discutere di diritto, non certo perchè lo pagano o vi sia obbligato.
Ciao.

CITAZIONE
delle tre in busta,imho,sotto questo punto di vista quella era davvero la peggiore

Mi pare di aver sentito dire che uno dei commissari aveva partecipato alla redazione della sentenza su cui era fondata la traccia estratta, ma non sono pronto ad affermarlo con certezza.
 
Top
assuntore
view post Posted on 23/4/2006, 22:25 Quote




CITAZIONE (Cap ARAGORN @ 23/4/2006, 21:49)
CITAZIONE
Secondo me invece vanno a "braccetto"

Una cosa è parlare di soggetti e loro qualifica, altro di fatto di concorso. Ma di questo ho detto nel mio precedente messaggio. Per il resto ti rinvio nuovamente all'ulteriore messaggio di Assuntore, sicuramente più chiaro di quanto avrei potuto essere io che intendevo scrivere solo due righe telegrafiche, giacchè ritengo in ogni caso, al di là delle posizioni, l'argomento sufficientemente affrontato.
Mi pare di capire che in definitiva preferisci accedere alla tesi della accessorietà del concorso nel reato. Legittimo, ma non perdere di vista la tesi maggioritaria in dottrina e giursprudenza della Fattispecie plurisoggettiva eventuale, che in ogni caso sul presupposto dell'art. 110 non configura disitinzioni in tema di tipicità.
Corretto il tuo tributo a nicolarush e assuntore, da me peraltro caldeggiato, giacchè chi risponde lo fa per spirito di altruismo e voglia di discutere di diritto, non certo perchè lo pagano o vi sia obbligato.
Ciao.

CITAZIONE
delle tre in busta,imho,sotto questo punto di vista quella era davvero la peggiore

Mi pare di aver sentito dire che uno dei commissari aveva partecipato alla redazione della sentenza su cui era fondata la traccia estratta, ma non sono pronto ad affermarlo con certezza.

l'ha scritta grillo stesso, il presidente di commissione... :(
 
PM  Top
nicolarush
view post Posted on 23/4/2006, 22:34 Quote




CITAZIONE (assuntore @ 23/4/2006, 23:25)
l'ha scritta grillo stesso, il presidente di commissione... :(

l'estensore della sentenza (o meglio delle sentenze) sul giuoco e scommesse è il Dott. Onorato

Edited by The Rush - 6/5/2006, 15:56
 
PM  Top
view post Posted on 16/6/2011, 07:27 Quote

forumista alle prime armi

Group:
Member
Posts:
11

Status:


scusate se entro nella vs. discussione. sono nuova del forum. vorrei chiedervi se qualcuno sa spiegarmi la differenza fra l'omicidio mediante omissione commesso dal genitore nei confronti del figlio ex art. 40 c.p. e il reato aggravato dell'art. 591 c.p.
 
PM Email  Top
20 replies since 14/4/2006, 18:55
 
Reply